lingua

  • Italiano
  • English
  • Français
  • Deutsch
  • Español
  • Русский

titolo

Il percorso dei Colli DiVini

partenza 
Moncalvo, fraz. S.Giovanni
arrivo 
bivio per Grana
Localita' sul percorso 
Moncalvo (loc. Valle S.Giovanni), Moncalvo (loc. S.Maria), Grana, Castagnole M.to, B.ta S.Stefano, Montemagno, bivio per Grana
lunghezza 
circa 28 km
tempo di percorrenza 
2 giorni
difficolta' del percorso 
facile

File downloads

Moncalvo loc. Valle S.Giovanni (180 m) - Loc. S.Maria (240 m) - Grana (270 m) – Castagnole M.to (240 m) – Montemagno (250 m) - bivio per Grana (190 m)
Lunghezza: 27,7 km

 

Si parte da località S.Giovanni, sul territorio comunale di Moncalvo. Non lontano troviamo la stazione ferroviaria, utile per raggiungere il luogo di inizio itinerario, senza la necessità di usare mezzi di trasporto privati. Il cammino si snoda ai piedi di Moncalvo, quasi in prossimità del confine con Grazzano Badoglio, attraversando un territorio assai variegato, denotato dalle dolci colline monferrine. Proseguendo si raggiungono e si attraversano gli abitati di Costanzana, Santa Maria e Minoglio. Volgendo lo sguardo a OVEST, in lontananza, spicca il borgo di Penango, con la sua bella parrocchiale settecentesca, opera del Magnocavallo, all’interno della quale si conservano pregevoli tele del Moncalvo. Nel territorio di Grana si giunge ad un bivio, che immette su un percorso ad anello. Svoltando a sinistra in direzione SUD-EST e percorrendo un tratto di fondovalle in contesto agreste, si risale all’abitato di Montemagno, da cui è possibile collegarsi a “Il percorso del Romanico”. Prendendo invece la via a destra si sale all’abitato di Grana e qui, a tratti, si possono apprezzare punti assai panoramici sul paesaggio circostante. Vale certamente la pena spendere un po’ di tempo tra le viuzze del borgo; il centro storico è ancora ben conservato e, su tutto il paese, domina l’imponente chiesa parrocchiale di fine Settecento, al cui interno si conservano preziose tele, alcune delle quali del Moncalvo, ed uno splendido coro ligneo. Da non perdere l’attigua cappella delle reliquie e la pinacoteca, che contengono veri e propri gioielli di arte sacra. Uscendo dal paese, il tracciato punta verso Castagnole Monferrato. Si cammina tra belle colline ove lo sguardo può spaziare lontano a contemplare paesaggi di grande fascino e dove le geometrie di vigneti e campi sono appena interrotte qua e là da siepi e macchie boscate, davvero preziose per la conservazione di gran parte della vita selvatica residua. Nel comune di Castagnole è presente un servizio di affitto biciclette, per quanti volessero proseguire nei dintorni sulle due ruote oppure, giungendo direttamente in loco con autobus od automobile, affrontare i percorsi in bicicletta. Castagnole è internazionalmente conosciuta per essere la patria di un vino assai ricercato: il Ruchè; a questo proposito è da segnalare, tra le curiosità locali, la meridiana del Ruchè, la più grande meridiana al mondo avente come soggetto il vino, “Tenuta la Mercantile” - villa settecentesca con al suo interno il torchio più grande d’Europa - e la scalinata nel cortile del vecchio castello nel ricetto della Miraja. Infine meritano una visita la chiesa parrocchiale, che conserva preziose tele del Moncalvo, e la chiesa della Confraternita dell’Annunziata, in stile barocco piemontese. L’itinerario prosegue verso SUD tra colline vitate, per tornare, dopo un’ampia curva, a puntare verso settentrione fino a raggiungere Montemagno. Il borgo è assai suggestivo, ha mantenuto il suo impianto medioevale originale e le tipologie architettoniche del luogo. Il castello, di origine medioevale, domina il luogo ed è uno dei più pregevoli dell’Astigiano. Dal lato SUD-OVEST del parco del castello si dipartono a ventaglio tredici vicoli che conferiscono al borgo un aspetto assai caratteristico. Certamente da visitare sono anche la chiesa parrocchiale dell’Assunta, con la monumentale scalinata e, non distante, in cima ad una altura, i suggestivi resti della chiesa romanica dei Santi Vittore e Corona. Lasciato Montemagno, si prosegue in direzione NORD-OVEST e, dopo un breve tratto da percorrere in mezzo alla campagna, si ritorna al bivio per Grana incontrato in precedenza.

Informazioni utili 
Itinerario escursionistico percorribile a piedi e MTB
Avvertenza generica valida per tutti i tracciati:
I tracciati GPS dei percorsi provengono da fonti varie e sono costituiti da più sezioni composte in un unico tracciato. Alcuni di essi possono avere un senso direzionale diverso da quello descritto sulla guida. Per una corretta percorrenza si raccomanda sempre la lettura del testo descrittivo e della mappa. Le informazioni contenute su tutti i media non impegnano la responsabilità di autori ed editori.