lingua

  • Italiano
  • English
  • Français
  • Deutsch
  • Español
  • Русский

titolo

FERRERE

20 Km da Asti, 268 m s.l.m.
Abitanti: 1628

Paesaggio

Ferrere si adagia su sette colli, dove risiede la maggior parte della popolazione trasferitasi dalla valle nel ’600 in seguito alla peste e ad una catastrofica inondazione. In tal modo il paese si smembrò e in ogni piccolo borgo si edificò una chiesetta.

Storia

Il toponimo Ferraria compare per la prima volta nel 1034 e potrebbe riferirsi alla fucina del fabbro. È del 1142 la prima notizia storica di una famiglia signorile insediata a Ferrere e della presenza di due castelli. Succedettero poi i De Ferraris, che si allearono ad Asti, diventando cittadini e vassalli della città e nel XIV secolo i Garretti .

Arte 

Furono i diversi nuclei famigliari della famiglia Garretti a costruire i due castelli di Ferrere, oggi completamente modificati da rifacimenti ed aggiunte. Il cosiddetto Castelvecchio mantiene ancora in parte l’aspetto di fortezza. Nel 1660 infatti i Garretti decisero di costruire una residenza elegante sul colle e di destinare il vecchio maniero a filatura per la seta. L’attuale Castelrosso, oggi residenza per anziani (così detto forse perché dipinto di rosso all’epoca) fu poi modificato tra il 1780 e il 1785 dall'architetto Filippo Castelli. Nel 1910 i castelli passarono a Emanuele Montalcini, zio paterno del Premio Nobel Rita Levi Montalcini che, pur essendo nata a Torino, trascorse buona parte della propria gioventù in paese. Da vedere anche la seicentesca chiesa parrocchiale di San Secondo ricostruita nel 1642 e la sconsacrata chiesa della Confraternita dell’Annunziata. 

Enogastronomia

Piatto caratteristico dei menù locali è il fritto misto alla piemontese. Importante la produzione di miele. salumi artigianali, e carne bovina. Nella Bottega del Vino nei saloni del Tiraggio, all'interno del complesso del Castelvecchio recentemente restaurato, è possibile degustare i vini tipici della zona : Barbera, Nebbiolo, Dolcetto.

www.comune.ferrere.at.it