lingua

  • Italiano
  • English
  • Français
  • Deutsch
  • Español
  • Русский

titolo

Da Viarigi a Moncalvo

partenza 
Viarigi
arrivo 
Moncalvo
Localita' sul percorso 
Viarigi, Casorzo, Grazzano Badoglio, Moncalvo
lunghezza 
circa 20 km
tempo di percorrenza 
1 giorno
difficolta' del percorso 
facile

File downloads

Viarigi (230 m) - Casorzo (270 m) - Grazzano Badoglio (299 m) – Moncalvo (300 m)
Lunghezza: 20 km

 

Il percorso prende le mosse da Viarigi. Il borgo giace su vari livelli terrazzati che lo rendono assai suggestivo e pittoresco. Simbolo del paese è la “Torre dei Segnali” di origine medioevale. Il pianoro della torre, luogo panoramico di grande bellezza, offre una vista a perdita d’occhio sulle colline circostanti, sui paesi limitrofi e su tutto l’arco alpino. Tra i monumenti più significativi merita una visita la pieve romanica di San Marziano risalente al secolo XII, posta appena fuori l’abitato. Lasciando alle spalle il nucleo abitato e muovendosi in direzione NORD-OVEST, il cammino si snoda in aperta campagna. Superato un canale detto “del mulino” si risale la valle fino a raggiungere la cresta collinare ed il centro abitato di Casorzo. A sovrastare il borgo spiccano la chiesa parrocchiale dedicata a San Vincenzo Martire, costruzione tardo-barocca edificata nel 1730 dall’architetto Magnocavallo, la ex chiesa di San Giorgio, edificio romanico risalente al XII secolo, il complesso monumentale della Madonna delle Grazie, i palazzi signorili del XVI secolo, la torre sulle vigne. Anche qui non mancano notevoli scorci panoramici sul territorio circostante. Superando l’abitato, si procede in direzione di Grazzano Badoglio, luogo natio del Generale Pietro Badoglio. Sono sicuramente da visitare la chiesa romanica della Madonna dei Monti, sull’omonima collina, e la chiesa parrocchiale, dedicata ai Santi Vittore e Corona, dove si conservano dipinti di pregio, tra cui “La morte di San Francesco Saverio” del gesuita Andrea Pozzo, e la tomba del leggendario Marchese Aleramo, capostipite dei Marchesi del Monferrato. Annesso alla chiesa, il cortile del chiostro dell’antica abbazia benedettina, fondata da Aleramo nel 961, recentemente restaurato. Dal sagrato e dal cortile del chiostro, vista mozzafiato sulle colline e sulle Alpi, dal Monviso al Monte Rosa. La casa natale del Maresciallo d’Italia Pietro
Badoglio è oggi un museo al cui interno sono conservati cimeli, raccolte fotografiche e testimonianze del periodo delle due guerre mondiali. Muovendosi in direzione OVEST, si scende ancora una volta in fondovalle, per poi risalire il versante collinare; indi si passa nelle vicinanze del cimitero degli ebrei e finalmente si raggiunge l’abitato di Moncalvo. Il centro storico merita una visita non affrettata per cogliere scorci pittoreschi lungo le vie strette e tortuose, le piazze, i resti del castello residenza dei marchesi del Monferrato, oggi sede della Bottega del Vino. Si consiglia di salire sulle torri del castello, perché il panorama che si può ammirare di lassù, su colline e centro abitato, è davvero notevole. La città di Moncalvo è il luogo ove visse e morì il famoso pittore Guglielmo Caccia, detto il Moncalvo (Montabone 1568 - Moncalvo 1625). La chiesa parrocchiale di San Francesco e le altre chiese conservano formidabili tele del pittore e della sua cerchia. Da segnalare il museo civico, che ospita opere di pittori quali Chagall, De Chirico, Morandi, Sironi, Modigliani, ecc.

Informazioni utili 
Itinerario escursionistico percorribile a piedi e MTB
Avvertenza generica valida per tutti i tracciati:
I tracciati GPS dei percorsi provengono da fonti varie e sono costituiti da più sezioni composte in un unico tracciato. Alcuni di essi possono avere un senso direzionale diverso da quello descritto sulla guida. Per una corretta percorrenza si raccomanda sempre la lettura del testo descrittivo e della mappa. Le informazioni contenute su tutti i media non impegnano la responsabilità di autori ed editori.