lingua

  • Italiano
  • English
  • Français
  • Deutsch
  • Español
  • Русский

titolo

CINAGLIO

14 Km da Asti, 245 m s.l.m.
Abitanti: 444

Paesaggio

Il paese si estende tra colline ricoperte da una fitta vegetazione boschiva, tutelata dalla Riserva Naturale speciale Valle Andona, Valle Botto e Valle Grande con percorsi e aree attrezzate per passeggiate a piedi, in bici e a cavallo. 

Storia

Il nome Cinaglio parrebbe derivare dal latino cenaculum, nel significato di albergo, locanda, ossia luogo di sosta sull’antica strada romana. Nel 962 venne assegnato al vescovo di Asti dall'imperatore Ottone I. Nel 1198, secondo il Codex Astensis, Cinaglio è compreso nei territori soggetti ad Asti ed alla sua giurisdizione. Libero Comune nel 1383 passò – quale dote di Valentina Visconti – sotto gli Orléans. Diventò poi parte del ducato di Savoia. Soltanto nel 1560 riottenne il riconoscimento delle proprie franchigie, riconfermate da Carlo Emanuele I nel 1587. Essendo "terra franca" Cinaglio non fu assoggettato da alcun feudatario fino agli inizi del ’600.

Arte 

Da visitare la chiesa romanica di San Felice, vicina al cimitero, con facciata rimaneggiata nel Seicento e all’interno affreschi della fine del Quattrocento. Altro edificio di interesse architettonico è la parrocchiale secentesca dei Santi Felice e Giorgio, costruita su un edificio preesistente del XV secolo, con facciata in cotto, che conserva nella parte absidale parti di muratura del XV secolo. Meritevoli di attenzione alcune componenti dell'interno: l'altare in gesso dipinto, del 1752, una statua lignea della Madonna del Rosario e la tribuna dell'organo, barocca e riccamente decorata. La chiesa di Sant’Antonio Abate, nel borgo omonimo, venne edificata a metà del Settecento e fu sede della confraternita della Santissima Trinità. Una ricca raccolta di calchi in gesso è conservata nella gipsoteca “E. Gonetto”.

Enogastronomia

I canestrelli, sottili cialde realizzate con un apposito ferro sono l’antico e tipico dolce locale (XVII secolo) a cui è dedicata una sagra durante la festa patronale di fine agosto. Ottimo anche il miele.

http://www.comune.cinaglio.at.it