lingua

  • Italiano
  • English
  • Français
  • Deutsch
  • Español
  • Русский

titolo

CAMERANO CASASCO

17 Km da Asti, 300 m s.l.m.
Abitanti:500

Paesaggio

L’area di Camerano Casasco si trova proprio accanto alla Riserva Naturale Speciale di Valle Andona, Valle Botto e Valle Grande che offre percorsi e aree attrezzate per passeggiate a piedi, in bici e a cavallo. Tra le strade che consentono scorci panoramici, ottima quella per Soglio.

Storia

Il doppio nome deriva dall'unione in una sola comunità degli insediamenti di Camerano e di Casasco, avvenuta alla fine del XVIII secolo. Il territorio di Casasco era già popolato in età romana anche se la  prima citazione risale al 1198; il vescovo d'Asti avrebbe fondato Camerano una trentina d'anni prima nella parte meridionale del territorio di Casasco. Le vicende dei due territori sono contrassegnate dall'avvicendamento di diversi feudatari: tra questi il primato di durata è detenuto dagli Asinari.

Arte 

Il centro di Camerano costituisce un bell’esempio di piazza passante definita a nord dalla parrocchiale di S. Lorenzo che presenta all'interno bei marmi policromi ed importanti e ricchissimi stucchi settecenteschi recentemente restaurati. Non distante dalla chiesa vi è l'imponente Palazzo Balbo, d'impianto seicentesco, che sorge sulle fondamenta del castello di Camerano, distrutto dai francesi nel Cinquecento. Vi abitò Cesare Balbo tra il 1821 e il 1834. Da vedere anche la chiesa di S. Antonio, sede della Confraternita e, isolata  in un'area boschiva, la chiesa romanica di S. Bartolomeo. Punto panoramico sull'ambiente circostante è il poggio dell'antico castello nelle cui mura è stato ricavato l’antico forno a legna del paese, ancora oggi funzionante e sede espositiva di oggetti legati alla produzione del pane e alla vita contadina. Nel piccolo insediamento medioevale di Casasco  il castello sarebbe stato distrutto nel 1417; di questo edificio nulla è rimasto, mentre quello che oggi osserviamo è opera settecentesca. Affacciata sul castello è situata la barocca chiesa dei SS. Pietro e Paolo. Nella borgata vi è anche un vecchio mulino del ’600.

www.comune.calosso.at.it