lingua

  • Italiano
  • English
  • Français
  • Deutsch
  • Español
  • Русский

titolo

BELVEGLIO

24 Km da Asti, 141 m s.l.m.
Abitanti:339

Paesaggio

Il comune si adagia su suoli sabbiosi da sempre vocati alla coltivazione della vite. I boschi esposti a nord, in particolare i querceti, sono il regno dei trifolau, i cercatori di tartufo. 

Storia

Anticamente era denominato Malamorte, forse in relazione a qualche cruento fatto d’armi. Primi feudatari furono gli astigiani Turco. Nel 1155 il paese fu occupato dai marchesi d’Incisa, ritornando dopo la pace di Costanza ad Asti. Nel 1387 passò a Luigi d’Orléans che cambiò denominazione in “Belvedere” (Bellumviderium Astensium). Nel 1736 entrò a far parte del regno di Sardegna. Nell’800 Belvedere venne annesso al Dipartimento di Marengo (Provincia di Alessandria), ed in questo periodo assunse il nuovo nome di Belveglio.

Arte 

La parrocchiale di forme barocche, fu riedificata nel ‘700 e ristrutturata tra il 1808 e il 1824. Il campanile è stato sopraelevato nel 1939. La Confraternita di S. Giorgio, risale, nelle forme attuali, alla prima metà del 1600. All'interno, presenta una struttura rettangolare con un'unica navata con volta a botte unghiata. Il sobrio campanile, non molto alto, è della seconda metà del XVII secolo. Di fronte alla parrocchia si erge un imponente ippocastano bicentenario. Il Castello  sorge sul sito dell’antico maniero distrutto nella prima metà del XVII secolo. Fu edificato nel 1929, in forme neogotiche, da un nobile montenegrino, Hector Petrausch, che lo dotò di bifore, merlature, stemmi. Attualmente è sede dell’“Ente Concerti Castello di Belveglio”, diretto dalla nota musicista Marlaena Kessick, che organizza annualmente il “Maggio Musicale” e, in autunno, il “Concorso nazionale di composizione". Il castello è visitabile durante la rassegna Castelli Aperti.

Enogastronomia

La cucina locale esalta i sapori delle diverse stagioni: dalle tagliatelle agli agnolotti del “plin”, dai bolliti alle torte di nocciole. Il tartufo bianco del Monferrato impreziosisce le portate. Tra i vini eccellono la Barbera d’Asti e il Grignolino d’Asti.

www.comune.belveglio.at.it
www.castelliaperti.it