lingua

  • Italiano
  • English
  • Français
  • Deutsch
  • Español
  • Русский

titolo

AZZANO D’ASTI

7 Km da Asti, 216 m s.l.m.
Abitanti: 392

Paesaggio

Dalla sommità del paese si gode une bella vista sulla piana del fiume Tanaro e Asti.

Storia

I primi abitanti sembra siano stati i Liguri. Nel II secolo d.C. – come lascia intuire il nome derivato dal latino Atianum – vi esisteva una “villa” romana. Inizia ad essere citato nei documenti a partire dall’897. Da ricordare la conquista e la razzia del borgo - avvenuta nel 1155 - ad opera delle milizie imperiali guidate da Federico I Barbarossa, che portò all’annessione del paese da parte del potente Comune di Asti. Questo storico evento ha dato spunto alla rievocazione di “Azzano in fiamme”, originale ed interessante drammatizzazione in costume che, da alcuni anni, si svolge nel mese di luglio. Nei secoli successivi fu tra i territori contesi tra il marchese di Monferrato e i Visconti.

Arte 

La chiesa parrocchiale fu edificata presso il sito in cui sorgeva l'antico castello. Conserva l’abside medioevale del preesistente edificio, dedicato a S. Stefano. Il campanile si presenta in forme romaniche. Il castello, uno dei più antichi dell’area, fu distrutto dagli spagnoli nel 1615.

Enogastronomia

Le prestigiose doc tipiche dell’area accompagnano i piatti della tradizione: salami cotti e crudi, vitello tonnato, acciughe al verde, peperoni con bagna cauda, agnolotti, tajarin, brasato, bollito misto, la “carpionata” e tra i dolci il famoso “bunet”.
Si producono pregiate doc come Barbera d’Asti, Barbera del Monferrato e Grignolino d’Asti.

www.comune.azzano.at.it
www.azzanoinfiamme.org