lingua

  • Italiano
  • English
  • Français
  • Deutsch
  • Español
  • Русский

titolo

Unesco, yes we are!

Langhe – Roero e Monferrato: un patrimonio unico al mondo

Un paesaggio vitivinicolo straordinario che già dai tempi passati ha stregato con la sua incantevole bellezza poeti, scrittori e pittori.
Ogni stagione è in grado di regalare colori differenti, atmosfere uniche e un tuffo nella tradizione di queste terre sapientemente lavorate dall’uomo.

E’ un angolo di Piemonte e d’Italia in cui si è saputo realizzare il miglior adattamento dei vitigni alle caratteristiche del suolo e del clima, insieme con la costante evoluzione delle tecniche e della conoscenza sulla viticoltura.

Si, perché le colline tra le più belle del mondo sono proprio le stesse che si fanno conoscere e ricordare per gli ottimi vini che donano; importanti a livello internazionale. Il dorato Asti Spumante, il robusto Barbera, il dolce Moscato, i pregiati Barolo e Barbaresco, sono alcuni dei vini che vengono prodotti da secoli in queste terre e che si possono trovare all’interno delle storiche cantine; gli splendidi crutin, scavati nel tufo e le imponenti “cattedrali sotterranee” a Canelli che creano suggestivi ambienti voltati, entrambi veri e propri capolavori d’ingegneria e di architettura enologica.

Le dolci colline astigiane, in parte monferrine e in parte di Langa, decorate dagli ordinati filari di vite, sono abbellite da castelli e torri che fanno riflettere sulla storicità del luogo. Addentrandosi all’interno dei borghi medievali, posti sui culmini dei crinali, si possono scorgere importanti testimonianze della cultura del vino: un esempio è il Museo Bersano a Nizza che ospita un’ampia collezione di attrezzi dediti al lavoro in vigna.

La cultura vitivinicola si respira anche durante i numerosi eventi che animano le meravigliose colline astigiane: il vino con la sua storia diventa festa.

Il Monferrato e la Langa Astigiana sono meta ogni anno di molti turisti che rimanendo ammaliati dall’imponente scenario collinare decidono di ritornare, ma anche i nativi, quando contemplano il paesaggio, rimangono incantati come se fosse sempre la prima volta.

Paesaggio, vini, armonia e relax, queste le caratteristiche principali, ma anche terre del pregiato tartufo bianco e di altre decine di eccellenze gastronomiche apprezzate sulle tavole di tutto il mondo.

All’interno dell’area Unesco, oltre alle splendide core zone astigiane con Nizza patria del Barbera e Canelli dell'Asti Spumante, vi sono altri quattro territori d'eccellenza: la Langa del Barolo, il Castello di Grinzane Cavour, le Colline del Barbaresco e il Monferrato degli Infernotti. Tanti in comuni in buffer zone, meritevoli di una vista e dove poter spendere un soggiorno in una delle tante piccole strutture ricettive di charme realizzate nel rispetto del pregevole contesto. Per avere informazioni sul progetto di candidatura, nell’attesa del portale turistico dedicato, vi invitiamo a visitare il sito www.paesaggivitivinicoli.it